Aggredito il direttore sanitario del Garibaldi-Centro

Durante un giro di verifica dei percorsi di sicurezza, all’interno dell’ospedale, il medico notava alcune persone impegnate a superare i limiti individuati per l’emergenza, per accedere all’interno della zona riservata alle centrali dei Covid-Team, probabilmente per aggirare gli accessi controllati del reparto degenza, dove era ricoverato un loro congiunto. Accortosi della situazione, anche per la stessa sicurezza personale dei tre uomini, il dott. De Maria ha invitato il gruppo a lasciare immediatamente gli ambienti, ricevendo una reazione violenta e un’aggressione fisica che ha gli ha procurato una prognosi di dieci giorni.
“Non è la prima volta – ha detto Fabrizio De Nicola, direttore generale dell’Arnas Garibaldi – che accade una cosa del genere, ma mai mi sarei aspettato un’aggressione proprio in questo periodo. Gli operatori sanitari stanno andando oltre le proprie forze per aiutare la comunità a uscire dal tunnel della pandemia e non meritano certo un simile trattamento. Ovviamente, siamo vicini al dott. De Maria e seguiremo con attenzione l’evolversi della situazione, sperando che gli aggressori vengano consegnati presto alla giustizia”.
Subito dopo l’accaduto, i tre uomini si sono dileguati, ma l’episodio è stato puntualmente denunciato presso le autorità di pubblica sicurezza, cui potranno essere d’aiuto anche le immagini eventualmente riprese dalle numerose telecamere di sorveglianza disseminate nell’ospedale.
Piena solidarietà al Dott. Sebastiano De Maria, viene espressa anche dal Dott. Luigi Aprea, presidente della sezione siciliana dell’ ANMDO, l’associazione nazionale dei medici di direzione sanitaria. “Una vile aggressione perpetrata da due persone ancora non identificate a carico di uno stimato professionista, che in questi giorni, come del resto sempre, presta il suo servizio senza limiti di orario e con impegno e competenza, tipici di un ruolo delicato e complesso quale quello della direzione sanitaria di presidio. Non vogliamo essere chiamati eroi, non lo siamo.
Siamo professionisti seri e impegnati, che hanno un solo fine, l’organizzazione ed il coordinamento delle attività di strutture ospedaliere che erogano la più completa ed efficace assistenza ai pazienti, che sono e resteranno, malgrado episodi gravi e condannabili come questo, sempre al centro dei pensieri e dell’azione dei medici di direzione sanitaria”.

“È vile e criminale, oltreché stupido, aggredire un lavoratore della Sanità impegnato a fare rispettare le misure di sicurezza in una zona ad alto rischio come l’area ospedaliera riservata alle centrali dei Covid-Team”. Lo affermano i segretari generali di Uil e Uil Fpl Catania, Enza Meli e Stefano Passarello, commentando le notizie dell’aggressione ai danni di Sebastiano De Maria, direttore medico di Presidio del Garibaldi-Centro. Gli esponenti sindacali aggiungono: “Siamo certi che gli investigatori sapranno fare luce su questo episodio, l’ultimo di una catena infinita e insopportabile di violenze ai danni di medici e ausiliari avvenuti a Catania. Alla vittima, il direttore medico di Presidio del Garibaldi-Centro Sebastiano De Maria, vada la nostra solidarietà. Sappiamo che ne lui ne gli altri lavoratori della Sanità catanese si lasceranno intimorire da questo episodio, ma è necessario rivendicare per loro massima tutela quale riscontro doveroso e dovuto all’impegno professionale e alla passione umana che tutti gli operatori ospedalieri, come possiamo testimoniare per diretta verifica, stanno assicurando. Per questo, come in passato ma a maggiore ragione adesso in piena emergenza Covid, sollecitiamo ancora una volta l’accertamento delle condizioni di sicurezza in ogni struttura della Sanità pubblica. Affidiamo questa richiesta, in primo luogo, alla sensibilità del Prefetto di Catania quale vertice del Comitato per l’Ordine pubblico”.