Case a 1 euro: il progetto che valorizza i Borghi spopola in Sicilia

Sono sempre di più i comuni siciliani a sposare il progetto “Case a 1 euro“. Ad aderire anche Gangi, in provincia di Palermo, che nel 2014 fu prescelto come borgo più bello d’Italia. L’adesione al progetto ha in sé l’obiettivo di agire contro lo spopolamento e di muoversi nella direzione di preservare molte delle abitazioni, valorizzando il centro del paese. E allora si è deciso di vedere gli immobili, deteriorati dal tempo e dalle intemperie, a fronte di una cifra simbolica e all’unica condizione di completarne il restauro entro tre anni. Lo stesso hanno fatto anche i centri Regalbuto (Enna) e Salemi (Trapani).

Recentemente, ad accodarsi è stato Sambuca di Sicilia, comune dell’Agrigentino, “Borgo dei Borghi” nel 2016. Notevole amplificazione hanno dato i reportage condotti in loco dalla Cnn e The Guardian con il susseguente aumento di richieste provenienti da ogni parte del mondo. “Far conoscere Sambuca, un territorio con un bel paesaggio, a 18 km dal mare, vicino agli aeroporti di Trapani e Palermo, in una posizione strategica per chi vuole ad esempio raggiungere Agrigento, Selinunte, Segesta e Palermo stessa. Per non parlare poi dei vini e dell’ottimo cibo che offre”. Lo ha detto il vicesindaco, Giuseppe Cacioppo. E, ora, è partito anche “Case a 2 euro” per una “fase 2” che riconferma il primo bando, lasciando però un più ampio respiro per la ristrutturazione, da eseguirsi entro tre anni dalla data del preliminare, e abbattendo l’obbligo di residenza.

Segue il Borgo di Troina, del libero consorzio comunale di Enna, del cui obiettivo di valorizzazione ha parlato anche Cnn Travel Come si legge sul sito del Comune, si vuole “recuperare gli immobili disabitati del centro storico, attraverso la cessione simbolica di 1 euro, da parte dei proprietari, alle agenzie, società, cooperative e cittadini privati, che siano disponibili ad investire in un progetto di recupero e valorizzazione“. Il sindaco, Sebastiano Venezia: “Negli ultimi mesi, – ha detto – sono arrivate moltissime richieste di acquisto di immobili nel nostro centro storico da ogni parte del mondo, tra cui Stati Uniti, Inghilterra, Germania, Francia, Belgio, Turchia, Brasile, Perù, Argentina ed Olanda, e molti potenziali acquirenti sono già venuti a visitare il Borgo di Troina“.

Non manca all’appello il comune di Delia, in provincia di Caltanissetta. Il sindaco, Gianfilippo Bancheri, ha fatto sapere che “il regolamento comunale permetterà al Comune di censire queste case, raggiungere i proprietari, i quali ovviamente devono dare l’assenso scritto. Subito dopo si farà un elenco, che verrà pubblicato all’albo pretorio e del quale verrà data comunicazione. Successivamente, verranno vagliate le richieste dei potenziali acquirenti”.