La Vastedda ai tempi del Coronavirus

“In questo periodo produciamo pochissima Vastedda della Valle del Belìce DOP. Ma continuiamo a farla con amore”. Lo afferma Massimo Todaro, presidente del consorzio per la tutela della Vastedda della Valle del Belìce DOP e maestro assaggiatore ONAF. “La zootecnica non può andare in cassa integrazione – spiega – perché gli allevamenti vanno curati costantemente, non possiamo fermarci, le pecore producono latte per 240/250 giorni. Gli agnellini vengono venduti dopo un mese dalla nascita. Il latte deve essere munto comunque, questo perchè le pecore rischiano di ammalarsi e di andare incontro alla mastite (infiammazione delle mammelle). Inoltre – continua Todaro – i nostri produttori sono piccoli e non organizzati. Hanno diversi canali di vendita, ma la maggior parte verso la ristorazione. Marzo, aprile e maggio, infine sono il periodo di maggiore produzione di latte”.

Se non l’unico, la Vastedda valle del Belìce DOP è uno dei pochissimi formaggi ovini a pasta filata. Il suo gusto è particolare, tipico del formaggio fresco di pecora, con note lievemente acidule e mai piccanti. La sua pasta è bianca, compatta, con qualche striatura dovuta alla filatura artigianale. La caratteristica forma a focaccia, con le sue facce lievemente convesse, rende inconfondibile la Vastedda. come indicato nel disciplinare di produzione: “La Vastedda della valle del Belìce DOP deve avere un diametro compreso tra 15 e 17 centimetri e un’altezza dello scalzo tra 3 e 4 centimetri. Il suo peso deve essere compreso tra 500 e 700 grammi, in relazione alle dimensioni della forma, e presentare una superficie priva di crosta, di colore bianco avorio, liscia compatta senza vaiolature o piegature”.
La vastedda della valle del Belìce presenta interessanti qualità organolettiche.
Il suo contenuto proteico supera in media altri tipi di formaggi ovini freschi. Questo primato è dovuto alla sua particolare lavorazione, infatti il processo di filatura genera un dilavamento del grasso, che a parità di peso, fornisce un incremento delle proteine presenti. Si tratta quindi di un eccellente fonte di principi nutritivi, soprattutto proteine, vitamine liposolubili e sali minerali come fosforo e calcio. In oltre, la bassa concentrazione di grasso lo rendono un alimento dalla notevole digeribilità e leggerezza.