Leoluca Orlando: “Zona rossa per tutti i capoluoghi siciliani”

Il sindaco di Palermo e presidente dell’Anci Sicilia, Leoluca Orlando, chiede che i capoluoghi dell’Isola vengano tutti dichiarati “Zona rossa”.
“Siamo di fronte al dilagare dell’epidemia – ha dichiarato Orlando -, spinto anche da comportamenti irresponsabili di tanti. Oggi si è registrato un ulteriore aumento dei contagi e, fatto ancor più preoccupante, un indice di positività che sfiora il 20%, con gli ospedali e i Pronto soccorso prossimi alla saturazione. Prima che sia troppo tardi, prima che si contino in Sicilia migliaia di morti, torno a chiedere al Governo nazionale di dichiarare la nostra regione Zona Rossa, individuando le necessarie misure per sostenere economicamente chi sarà inevitabilmente danneggiato. In attesa che questo avvenga, chiedo al Presidente Musumeci di provvedere a dichiarare Zone Rosse tutti i capoluoghi, che sono quelli più esposti, come dimostrano i dati di Catania, Messina, Palermo e Siracusa.”
Della stessa opinione Marianna Caronia, deputata regionale e consigliera comunale di Palermo: “Con i Pronto soccorso della città ormai al collasso (al Cervello sovraffollamento al 250% e a Villa Sofia 170%), con i contagi fuori controllo dentro e fuori il sistema sanitario, non dichiarare Palermo, se non tutta la Sicilia Zona Rossa è un atto criminale che rischia di provocare una catastrofe con centinaia di morti. Comprendo perfettamente chi teme un nuovo lockdown e il blocco dell’economia, ma la responsabilità della politica è quella di assumere decisioni, anche difficili. In questo momento la priorità non può che essere quella di salvare vite umane, trovando ovunque le risorse necessarie a garantire a tutti un sostentamento che permetta di interrompere ogni attività non indispensabile.”
Intanto il sindaco di Messina, Cateno De Luca, annuncia misure straordinarie per il controllo del territorio: “Intensificheremo i controlli in città anche con i droni che attiveremo nelle zone più sensibili. Messina ha percentuali preoccupanti per l’emergenza Covid che ci hanno portato in zona rossa, parliamo addirittura di un tasso di positività del 34,5%”. “A preoccupare è il rapporto dei posti letto occupati in terapia intensiva che è del 70% e quello dei dei ricoveri ordinari che è del 75%. Sono numeri tra i più alti d’Italia e per questo rispetto alla ordinanza predisposta dalla Regione farò ulteriori restrizioni perchè la situazione è allarmante.”