Regione, Pierobon: verso l’addio con amarezza

Amarezza, quella che traspare in quelle che sono forse le ultime ore di lavoro dell’assessore all’Energia Alberto Pierobon, tecnico di area Udc, che sembra non aver gradito l’intreccio di giochi di palazzo che lo hanno messo al centro di quella che sembra un’ordita trama atta a preparare le alleanze per le future prossime elezioni regionali.

Come politicamente sembra essere solo uno specchietto per le allodole l’improvvisa ed impellente necessità di avere una donna nella giunta guidata da Musumeci, il quale nulla aveva obiettato alle fortissime polemiche innescatasi dopo il recente rimpasto di governo, e che aveva portato ad una giunta esclusivamente maschile.

Voci di corridoio danno quasi per certa l’entrata nella squadra di governo regionale, al posto di Pierobon, della presidente del Corecom: la messinese Maria Astone.

La Astone sarebbe un nome molto gradito al recordman di preferenze Luigi Genovese, eletto nelle file di Forza Italia, adesso nel gruppo misto dopo un transito nel gruppo di Ora Sicilia (nato sotto l’egida dell’assessore Razza), che si appresserebbe a passare nelle file dello sfoltito gruppo dell’UDC alla regione.

Altre eminenti personalità del mondo civile e politico vedono invece in questa nomina un attacco all’egregio lavoro svolto fin qui da Pierobon che, in un momento storico cosi particolare come quello della nascita di un governo nazionale di transizione ambientale, potrebbe vanificare gli enormi interessi che girano intorno a questo mondo.

Di questo avviso sembra essere il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando e presidente di ANCI Sicilia: “Da sempre il settore dei rifiuti è particolarmente delicato e le scelte che ricadono sull’assessorato sono cruciali per gli enti locali e richiedono grande equilibrio e trasparenza. Le criticità del sistema integrato dei rifiuti e del sistema idrico integrato interessano direttamente i comuni e, in particolare, la carenza di impianti sul territorio continua a determinare speculazioni e costi elevati per i comuni e di conseguenza per cittadini e imprese. In questi anni con l’assessore Pierobon si sono fatti passi importanti e le definizione di un piano regionale dei rifiuti costituisce un traguardo importante. Riteniamo fondamentale che su tale settore l’attuale assessore abbia dato importanti garanzie di trasparenza e correttezza anche nel confronto col sistema delle autonomie locali dell’Isola e riteniamo che, prima di ogni altra valutazione, tali valori debbano essere preservati”.