Ugl, si è spento lo storico segretario territoriale Nino Parisi

CATANIA – La famiglia della Ugl piange la dipartita di Nino Parisi. Lo storico segretario territoriale dell’organizzazione sindacale catanese è spirato all’età di 87 anni, dopo una vita spesa a fianco dei lavoratori e nel sociale dando una mano ai meno abbienti di Catania. Successore del primo responsabile provinciale del sindacato tradizionalmente vicino alla destra, allora denominato Cisnal, onorevole Gaetano La Terza, Parisi è stato per oltre quarant’anni alla guida della sigla di via Teatro Massimo. Fu anche consigliere comunale del Comune di Catania in più consiliature, sotto le insegne del Movimento sociale italiano, ma soprattutto a Nino Parisi sono legate particolarmente le numerose svolte del sindacato a livello nazionale come il passaggio dalla Cisnal alla Ugl e l’elezione di Renata Polverini, prima donna a capo del sindacato, di cui è stato fautore. Parisi è stato anche per diversi anni vice segretario generale nazionale e segretario regionale per la Sicilia della Ugl, nonché presidente del patronato Enas dal 1999 al 2009.

“Un capitolo della storia del nostro sindacato se ne va. È morto Nino Parisi, che tanto mi ha insegnato nella mia vita”. Ha commentato Carmelo Mazzeo che prese il suo psoto alla guida dell’Ugl nel 2006″

“Con la scomparsa di Nino Parisi va via un simbolo della nostra unione territoriale e l’anima della Ugl italiana, oltre ad un personaggio che ha scritto un pezzo di storia della nostra città – ricorda con speciale affetto e gratitudine l’attuale segretario territoriale Giovanni Musumeci, che è cresciuto sindacalmente negli anni sotto la scuola dello stesso Parisi. Lo ricorderemo sempre come un uomo dalla grande generosità e schiettezza, dinamico ed arguto, dai mille interessi (come la numismatica di cui a Catania è stato uno dei pionieri), la cui passione è stata travolgente per tanti giovani sindacalisti che grazie a lui si sono formati ed hanno potuto vivere una esperienza sindacale importante. Alla famiglia ed in particolare alla figlia Paola, legale della Ugl catanese, rivolgiamo il nostro pensiero affettuoso esprimendo le più sentite condoglianze”.

Nino Parisi, è stato per me un padre e un grande maestro di vita – lo afferma Giovanni Lo Schiavo, segretario regionale Fast/Confsal Sicilia -. Un faro sindacale con il quale ho condiviso un lungo periodo di battaglie sindacali prima in Cisnal e poi in Ugl. Un uomo di altri tempi, una persona che difendeva sempre e comunque i più deboli. Il sindacalismo catanese perde un uomo di sani principi che con assoluta intelligenza e lungimiranza, riusciva sempre a coniugare l’interesse dei lavoratori con quello della controparte datoriale. Chi come me ha avuto la possibilità e la fortuna di averne a che fare, sa della sua integrità morale ed onestà intellettuale. Insostituibile nella sua storica attività sindacale. Gli sarò per sempre grato per quello che mi ha dato come insegnamento sindacale. La nostra Organizzazione Sindacale, si unisce al dolore della figlia Paola e dell’intera famiglia Parisi”.