Aci Sant’Antonio, cala il sipario sulla nona edizione del Premio Carretto Siciliano

Nonostante i capricci del tempo il pubblico di Aci Sant’Antonio non ha voluto mancare domenica sera, in piazza Maggiore, alla nona edizione del Premio Carretto Siciliano. L’evento, organizzato dal Comune di Aci Sant’Antonio con la direzione artistica di Mario Russo, è riuscito anche quest’anno a coniugare cultura, musica, spettacolo e tanto divertimento. Diversi i protagonisti che durante la serata, condotta da Maurizio Caruso, affiancato da Silvia Bella, hanno sfilato sul palco. A ritirare il premio, una caratteristica miniatura di ruota di carretto siciliano su pietra lavica, realizzata dagli artigiani locali, sono stati la scrittrice e poetessa Carmela Tuccari, l’artigiano Roberto Battiato, decoratore di carretti siciliani, la cantautrice Deborah Iurato, vincitrice della tredicesima edizione di Amici di Maria De Filippi, che si è esibita live e, infine, Tuccio Musumeci, tra i più grandi attori di cinema e di teatro, attualmente impegnato nelle riprese della serie televisiva di successo ‘Màkari’. L’attore etneo, in forma smagliante, ha raccontato al pubblico diversi aneddoti della sua lunga e straordinaria carriera, alcuni dei quali legati alla collaborazione con Pippo Baudo. Conferiti due riconoscimenti anche a Giuseppe Perrucci, brigadiere capo dell’Arma dei carabinieri, a lungo in servizio ad Aci Sant’Antonio, oggi in quiescenza, ed a Lorenzo Russo, apprezzato imprenditore santantonese. Spazio anche alla musica ed al divertimento. Ad esibirsi con un sound originale, un mix di musica popolare siciliana, ritmi balcanici, arabici, indie e reggae, sono stati gli Ottoni Animati, street band di Trapani riuscita in pochi anni a conquistare anche un pubblico internazionale. A chiudere in bellezza la manifestazione è stato Antonello Costa che, con la sua verve comica, ha coinvolto e divertito il pubblico.   

“Nonostante il tempo e la pandemia, siamo riusciti anche quest’anno a realizzare il Premio Carretto Siciliano – ha detto Santo Caruso, sindaco di Aci Sant’Antonio – Quest’anno si pensava di poter organizzare la manifestazione più serenamente ma ancora siamo in una situazione di emergenza. Il Premio, che è nato nove anni fa con questa amministrazione comunale, rappresenta per noi un momento importante di promozione e valorizzazione di ciò che ci rappresenta di più: il carretto siciliano. Una tradizione – ha concluso il primo cittadino – che vogliamo rinnovare e per questo motivo prosegue la collaborazione con il museo regionale del Carretto Siciliano Palazzo D’Aumale di Terrasini”.