Carabiniere ferito a Acireale, eseguiti 6 arresti

Su delega della  Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, i Carabinieri del Comando Provinciale di Catania hanno dato esecuzione, nelle città di Catania e Acireale, ad un’ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Catania, nei confronti di 6 persone (una destinataria di custodia cautelare in carcere e i restanti 5 della misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria), ritenute responsabili di rissa aggravata in concorso.

Il provvedimento trae origine da un’indagine condotta dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Acireale, che hanno tra l’altro esaminato le immagini di videosorveglianza della Chiesa acese di via Santa Maria degli Ammalati, nonché quelle presenti nella piazza antistante, a seguito della rissa scaturita il 5 settembre scorso tra i familiari di ex coniugi per un diverbio dovuto all’assegnazione dei posti all’interno della Chiesa in occasione della celebrazione del rito della prima comunione del figlio di Alberto Leocata e Carmen Addamo (non destinataria dell’odierna misura). Nel corso della rissa, Camillo Leocata, nonno del giovane, era stato arrestato nell’immediatezza per tentato omicidio e porto illegale di arma comune da sparo poiché aveva esploso un colpo di arma da fuoco all’indirizzo del Vice Brigadiere Sebastiano Giovanni Grasso, intervenuto a sedare la rissa seppur libero dal servizio e riportante nella circostanza gravissime lesioni.

Le attività d’indagine sviluppate dai Carabinieri hanno consentito di ricostruire la vicenda, svoltasi in due distinti momenti. Inizialmente tutti i destinatari della misura cautelare si trovavano all’interno della citata Chiesa, ove era in corso la celebrazione della prima Comunione del figlio dei succitati ex coniugi. Poco prima dell’inizio della cerimonia, per motivi riconducibili all’assegnazione dei posti a sedere (in particolare, Alberto Leocata posizionato dagli organizzatori in prima fila con la nuova compagna, menter la moglie negli ultimi posti), Rosario Addamo ed il figlio Achille, rispettivamente ex suocero ed ex cognato di Leocata, hanno iniziato a discutere con quest’ultimo, passando poi alle ingiurie ed alle mani nonostante la presenza, tra l’altro, di numerosi bambini.

Successivamente, al termine della celebrazione, il Leocata aveva contattato i Carabinieri richiedendo di essere accompagnato dalla Chiesa sino alla sua autovettura, in quanto temeva per la sua incolumità. Proprio all’arrivo dei militari, Giuseppe Addamo, altro ex cognato Leocata, insieme al citato Achille, per nulla intimoriti dalla presenza delle Forze dell’Ordine, ingaggiavano una lite verbale.  La discussione sfociava poco dopo in una vera e propria rissa alla quale si univano anche il predetto Rosario Addamo, nonché Camillo e Salvatore Leocata, rispettivamente padre e fratello di Alberto. I militari intervenuti, a cui si era aggiunto nel frattempo il Vice Brigadiere Grasso, lì presente libero dal servizio in quanto anch’egli partecipante alla funzione religiosa riguardante il proprio figlio, si frapponevano fra le parti al fine di sedare la rissa. Nel frangente Camillo Leocata esplodeva un colpo di arma da fuoco colpendo all’altezza del capo del militare dell’Arma intervenuto.

Persone destinatarie della misura:

Custodia in carcere

  1. LEOCATA Camillo, nato ad Acireale (CT) il 21.05.1952, detenuto;

Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria

  1. LEOCATA Alberto, nato ad Acireale (CT) il 29.11.1984;
  2. LEOCATA Salvatore, nato ad Acireale (CT) l’11.09.1978;
  3. ADDAMO Giuseppe, nato a Catania l’08.01.1979;
  4. ADDAMO Rosario, nato a Catania l’11.09.1957;
  5. ADDAMO Achille, nato a Catania il 26.07.1990.