I Giovani della Democrazia Cristiana chiedono l’istituzione dell’Assessorato regionale alle Politiche Giovanili

I Giovani della Democrazia Cristiana chiedono al Presidente della Regione siciliana, Renato Schifani, l’istituzione dell’Assessorato regionale alle Politiche Giovanili.
“Alla luce delle nomine effettuate dal governo Schifani, prendiamo atto che l’assessorato alle politiche giovanili non è stato assegnato ad alcun componente della Giunta”. Lo afferma Salvatore Cappello, responsabile giovanile della DC per la provincia di Ragusa. “Riteniamo puntualizzare ed evidenziare l’importanza di questo ramo assessoriale – continua Cappello – al fine di snellire i processi burocratici tra giovani imprenditori e Regione e migliorare la sinergia tra enti pubblici e privati in vista di un piano di resilienza mirato agli under 40 che vogliono investire sul territorio siciliano. Noi ci auspichiamo che questa delega assessoriale venga assorbita a pieno titolo e al più presto da un amministratore competente e di amplia esperienza che sappia essere da garante per tutte le consulte giovanili regionali e non solo”.
Si associa il responsabile degli Enti Locali della DC Giovani, Giuseppe Di Pisa: “Nell’ottica di un costante avvicinamento al mondo dei giovani, in linea con gli obiettivi della DC nuova, sarebbe auspicabile la creazione di una delega regionale alle politiche giovanili. Sono certo che l’assessore Messina, essendo già il responsabile della consulta giovanile regionale, saprà sapientemente ascoltare il nostro invito e rappresenterà un ottimo interlocutore per le proposte dei giovani”.
Conclude con gli stessi toni e me medesime richieste Guido Condorelli, Responsabile Regionale Democrazia Cristiana Giovani Sicilia: “Oggi le parole non bastano, chiediamo fatti concreti al fine di ribadire l’importanza dei giovani nello scenario politico odierno, le parole lasciamole ai dizionari. Molti giovani come me, di qualsiasi estrazione politica, chiedono con forza di capire qual è la loro posizione all’interno della politica regionale tramite l’istituzione di un assessorato sulle “Politiche Giovanili”, atto di notevole importanza in quanto finché non si ribadirà la centralità dei giovani negli scenari istituzionali la sopravvivenza dei giovani in politica poggerà su basi insicure. Certo che il nostro partito – conclude Condorelli – e i nostri assessori risponderanno con la concretezza dovuta alla nostra legittima richiesta”.