Messina, è Federico Basile l’erede sindaco scelto da Cateno De Luca

Dopo i saluti di commiato nella piazza Duomo di Messina e il brindisi di arrivederci alla città una breve trasferta del sindaco uscente, Cateno De Luca, alla volta dell’abitazione dell’ipotetico futuro sindaco. Il dado è tratto e, come promesso alla cittadinanza, il Primo cittadino di Messina, che questa volta si è dimesso davvero, ha terminato la sua selezione del futuro sindaco da suggerire ai cittadini alle prossime amministrative. Esiste il nome del futuro candidato ritenuto all’altezza di essere eletto a capo dell’amministrazione comunale messinese, quale successore di De Luca, ora che Messina è in piena fase di rinascita ed è divenuta appetibile a molti. Accompagnato dal fido Danilo Lo Giudice – suo amico e collega, nonché suo successore al comando di Santa Teresa di Riva, comune ionico della provincia di Messina, e attualmente deputato all’Ars – si è precipitato a casa del predestinato. In linea con il perfetto stile vulcanico, Cateno ha fatto ancora una volta della suspence il leitmotiv, facendo rimanere fino alla fine tutti sulla corda con viva l’incertezza se si trattasse di una donna o di uomo.

Presto svelato che ad essere stato preferito tra tutti, nella rosa dei papabili della squadra deluchiana, è l’esperto contabile del sindaco. Starà a lui accettare o rifiutare. Dopo i primi momenti di disagio, in déshabillé con le troupe che gli sono piombate a casa e una diretta da 2 mila collegamenti nonostante l’ora tarda, Federico Basile (è lui il prescelto) ha accettato. Alla domanda “Ci stai?” senza esitazione la risposta è stata ferma: «Ci sto, sindaco». Il futuro candidato sindaco ha così motivato il suo sì: «Il progetto deve andare avanti, perché è importante. Se tu ritieni che io possa portarlo avanti con tutta la squadra, andiamo avanti». Termina così la lunga attesa dei cittadini messinesi pronti a seguire, tutti uniti, le indicazioni del loro amato sindaco.