Rituali funebri nobiliari nella Catania del ‘500

L’imminente ricorrenza dei “ Morti” ci fornisce l’occasione per richiamare alla mente le procedure funerarie che nei secoli passati venivano attivate allorché moriva qualche importante personaggio di Catania come, in questo caso, il Viceré. Consultando la “Cronaca Siciliana del secolo XVI”, di Vincenzo Epifanio e Alberto Gulli ripercorriamo, quindi, le procedure funerarie che vennero riservate nel 1535 al Viceré Don Ettore Pignatello, testimoniata da una lettera di Pietro Di Vivicito.

“Ogi ad hura di vinti huri cum suntuusi exequii fu seppellutu lu signuri Vicerré Don Hettore Pignatello, non sencsa lacrimi di chi lo mirav, et per li signorie vostre intendiri lu modu di lo exequio lo scrivo. Morto chi fu apersiro il corpo et livarochi li interiuri tutti et lo cori; lo implero di cauchi et certi altri pulviri et cuserolo, per supra la testa chi levaru la medulla, como si soli fari a soi pari, misirolo intro la sala di lo castello et illa li donni tinniro visito, sencsa pero altro intrari in castello chi alcuni donni principali et lo signuri conti di Borrello, so nipoti, figlo di so figlo, et li signuri soi frati sindi andaro intro la Nunciata, undi ancora era lo signuri conte di Caltanissetta et li autri signuri e genti di palacso cun loro signore, lo signuri  Logotenenti, lo signuri conti Di Luna, li signuri Iudichi di la Gran Corti, lo signuri Canchilleri, li signuri Thesaureri, Mastri Racionali, et tucti altri officiali di curti, cum li gramagli dati in la Curti. Vinni poi la cita, lo signuri Preturi et Iurati cun tuctu lo Magistratu vestuti tutti di gramagli fini pagati per la cita, et multi altri cavaleri, servituri et effettati di sua illustrissima signoria. Niscio lo corpo so di lu castello supra una vara cum una cutra di borcato ricio foderata di sita carmixino, dui cuscina di lu medesimi borcato; ipse vestuto di abito di Santo Francisco, supra la testa sua birritta di velluto cun uno chirco di oro supra a la ducali; a la sua destra uno stocco dorato cum fodaro di borcato, a la sinistra la sua bacchetta deorata, a li pedi li spiruni dorati. Quanto ancora signorili e aspetto di gra principi tenia ! Sequianolo tri a cavallo cum li gramagl et li cappucci in testa, et li cavalli corpertati a nigro sino in terra, portavano altri lancii li barderi supra li spalli chi pendiano et alcsando la terra di damasco carmixino, di una banda teniano le armi di Pignatello, all’altra la imprisa, quasi era una ancora grandi bianca cum uno mutto “ A Bon Ponto”, et sutto lu scutu di l’armi uno pulituri di spati forbixino li spati cum scritto: “ U Mundemini”, ad quali sequiano lo Pretruri et iurati et li altri ufficiale del Magistato a dui a dui, appresso lo signuri conte di Borrello et altri signuri visitusi acompagnati di cavaleri visitusi ancora et una turba poi di loro cortixani et servituri, chi fassi stima passari chento sissanta gramagli, et tutti pianendo amaramenti et cum rispetto. Innanti la vara uno homo di armi supra un corseri vestito  ipso et cavallo di damasco carmixino cun uno imperial stendardo di carmixino damascu, tutto frixato di oro, et lo scuto imperiali cum li armi reccamati lavorati et la impresa di lo imperaturi di lavreni vellus et li colonne di hercules cum lo mutto ‘Plus Ultra’ dudichi vari di intorchi allumati, sei per una; cruchi quaranta, et tutti l’ordini di li religioni etli canonachi di la Matri Ecclesia, andandosindi a Santa Maria di l’Angeli Grampia di Sant’Antoni, societati di Iesu. Farrassi di questa a trii orni lo obsequio, como esti di costuma di la cita. Presidenti  lassao lo signuri Marchisi di Yachi.”